Figlio e allievo del pittore di marine e paesaggi Giuseppe Rieger (Trieste, 1802-1883), nacque a Trieste il 6 maggio 1834. Poche le notizie sulla sua vita: studiò, grazie all’interessamento del Barone Revoltella, all’Accademia di Venezia e fu in seguito attivo a Trieste anche come fotografo, in particolare dal 1863 al 1866. Dal 1863 al 1864 in corso Italia 662-27, dal 1865 al 1866 in piazza Ponte Rosso, 811 – 5.
Dal 1870 si stabilì a Vienna, dove rimase fino alla morte, occorsa il 5 febbraio 1905. Come triestino residente a Vienna comparve nei cataloghi delle mostre della città natale cui continuò a partecipare anche dopo il trasferimento.

Si dedicò soprattutto alle vedute ad olio e ad acquerello, spesso destinate alla realizzazione di illustrazioni litografiche anche di elevata tiratura.
Il Museo Revoltella conserva di lui le due opere più celebri, le vedute a volo d’uccello di Trieste e del Canale di Suez: quella che ritrae il canale è un’opera dal chiaro intento celebrativo commissionata ed esposta a Trieste nel 1864 da Pasquale Revoltella, personalmente impegnato nell’impresa di Suez: Rieger vi dipinse una veduta a volo d’uccello del canale in via di realizzazione, rinunciando alle regole canoniche della prospettiva per ottenere una resa topografica obiettiva priva di modificazioni nella forma degli oggetti. Proprio “All’illustrissimo signor cavaliere Pasquale Revoltella, protettore distinto di belle arti” dedicò inoltre nel 1865 un album con vedute ad acquerello.